Dopo i disastri dei predecessori, la “voce” della Nazionale diventa Stefano Bizzotto

Seguimi anche su Facebook: https://www.facebook.com/giacomobaresicom

Stasera a Parma si giocherà l’amichevole Italia-Francia e, incredibile ma vero, dopo le telecronache indecenti dello scorso Campionato Europeo e delle prime partite di qualificazione al prossimo Mondiale, la prima “voce” dell’Italia cambierà: Bruno Gentili (protagonista assoluto di un mio famoso articolo http://bit.ly/TEjlzV) lascerà spazio a Stefano Bizzotto. Bocciatura netta per Gentili che per la partita di stasera sarà comunque in cabina di commento, per poi da febbraio lasciare totalmente il posto a Bizzotto e verrà relegato al ruolo di opinionista a partire dalla sfida tra Olanda e Italia.

Quella di Bizzotto è la scelta migliore a mio parere: fino ad oggi sempre in seconda linea, è riuscito però a regalare grandi emozioni assieme a Oscar Bertone nelle telecronache dei tuffi (che cerco di non perdermi mai). Con i suoi innumerevoli aneddoti riesce a fare appassionare allo sport anche un profano! Per non parlare dell’hockey su ghiaccio, dato che essendo altoatesino è uno dei suoi cavalli di battaglia. Nelle partite che mi è capitato di guardare (raramente) il giovedì sera, è sempre riuscito a coinvolgermi malgrado di quello sport io capisca poco o niente.  Ma passiamo al calcio. L’Under 21 perde il suo storico telecronista che viene sostituito da Alberto Rimedio, ma per una buona causa. Esperto di Bundesliga, Bizzotto l’abbiamo comunque sentito innumerevoli volte nelle sintesi delle partite di Serie A.

Rimane a mio parere una delle poche punte di diamante della Rai: assieme al concittadino Franco Bragagna (voce dell’atletica e dello sci di fondo) e alle voci del ciclismo, è uno dei pochi a tenere testa (se non a essere addirittura meglio) ai telecronisti delle inarrivabili tv a pagamento. Ora non ci resta che sperare che i vertici Rai facciano fare  la stessa fine di Gentili a Gianfranco Mazzoni, voce della Formula 1, nota soprattutto per il suo attacco alla telecronaca “Un cordiale saluto”, per i continui scambi tra piloti, per gli innumerevoli sorpassi persi, e per il fatto che non capisca nulla delle comunicazioni via radio ai piloti. Ma con il passaggio dei diritti della F1 a Sky dal prossimo anno, lo sentiremo fortunatamente molto meno…

@Giacomo_Baresi

Ecco tutti gli strafalcioni dei giornalisti durante Italia-Danimarca! I commentatori della Rai non deludono mai!

Seguimi anche su Facebook: https://www.facebook.com/giacomobaresicom

Martedi sera ho guardato Italia-Danimarca. Se potessi la guarderei senza volume o con il commento in qualsiasi altra lingua, ma ho deciso di farmi quattro risate ascoltando il commento tecnico dei disastrosi giornalisti della Rai che, dopo aver raggiunto l’apice della mediocrità con Salvatore Bagni, non hanno ancora avuto un’inversione di tendenza.
Il team è formato da Bruno Gentili come prima voce, Beppe Dossena al commento tecnico e Alessandro Antinelli (l’unico che si salva di tutta la squadra) a bordo campo. Nel pre e post partita e nell’intervallo c’è l’intramontabile Marco Mazzocchi che, sfortunatamente, dopo esser stato inviato all’Isola dei Famosi ha voluto tornare a commentare il calcio… speravo restasse in Honduras per un po’! Bruno Pizzul secondo me si mangia le mani ogni volta che guarda una partita, così come Sandro Ciotti e Nando Martellini sono sicuro che si rivolteranno nella tomba…

Marco Mazzocchi

Un populismo tipicamente targato Rai, che spesso e volentieri mi fa venire quasi voglia di tifare contro l’Italia. Si può riassumere così: tutto quello che fanno i giocatori dell’Italia è bene, tutto quello che fanno gli avversari è male. Il commento da tifoso non fa impazzire il pubblico… e poi sono 10 anni che mi chiedo perché Stefano Bizzotto sia continuamente relegato a commentare l’under 21… misteri!

Bruno Gentili

Ma facciamo un salto indietro a venerdì sera: Armenia-Italia. Non sono riuscito a guardare integralmente la partita, ma in quegli spezzoni che ho visto, qualche perla l’ho sentita:
1) “…e la Romania pareggia” Bruno Gentili dopo il pareggio dell’Armenia.
2) “Palla allo juventino Criscito” Bruno Gentili riguardo a Criscito, giocatore dello Zenit San Pietroburgo.
3) “E’ il terzo gol consecutivo di Pirlo su punizione” Bruno Gentili dopo il gol su rigore di Pirlo.
4) “Passaggio per il centrocampista del Milan Daniele De Rossi” Bruno Gentili su Daniele De Rossi, centrocampista della Roma.

Beppe Dossena

Durante Italia-Danimarca me le sono segnate tutte:
1) si parte con Marco Mazzocchi che nel pre partita si rivolge al malcapitato Emiliano Mondonico: “San Siro porta bene all’Italia” giustificando la sua affermazione dicendo che porta bene perché l’ultima volta del “Mondo” in panchina al Meazza, vinse contro l’Inter ai tempi del Novara.
2) “Tre punti contro la Danimarca vogliono dire mezza qualificazione in tasca”. Bruno Gentili inizia a scatenarsi, non tenendo affatto conto che l’Italia ha battuto le temibilissime Malta e Armenia, pareggiando in Bulgaria. Fa niente se dopo questa partita mancano due gare con la Repubblica Ceca e il ritorno in Danimarca… (gli è andata bene che la Repubblica Ceca ha pareggiato 0-0 con la Bulgaria, ma si è saputo solo a metà del secondo tempo).
3)
“Applauso sfragoroso” Bruno Gentili dopo un intervento difensivo di Mario Balotelli.
4) Si improvvisa pure medico “alla Caressa” diagnosticando l’infortunio di Marchisio “Leggera lussazione alla spalla sinistra”. Marchisio in realtà ha preso semplicemente una botta e sono andato a cercarmi il significato di “lussazione”: “Una lussazione è uno spostamento permanente delle superfici articolari l’una rispetto all’altra”. Mah…
5) Più volte Gentili pronuncia in maniera errata il nome del nostro terzino destro: Abate diventa “Abbate”.
6) “Stokholm è davvero un mashtinoGentili definisce il caparbio giocatore della Danimarca.
7) “Prova a scucchiaiarlo per Balotelli” Gentili su un passaggio diretto a Balzaretti.
8) “Siamo in vantaggio, meritatamente come sempre” Dossena “come sempre” diplomatico e mai di parte dopo l’1-0 di Montolivo.
9) “Agger è un difensore super smaliziato” definizione originale di Bruno Gentili nei confronti del giocatore danese.
10) Gentili ha inoltre grossi problemi a pronunciare anche il nome di Agger che sistematicamente diventa “Agghe”.
11) “Si è visto che quella palla finiva perlomeno nella luce della porta” volevi dire forse “specchio della porta” caro Beppe Dossena?
12) La perla della serata arriva nell’intervallo: la parola passa a Marco Mazzocchi che con un metodo decisamente macabro prova a promuovere un’associazione benefica: “1, 2, 3, 4, 5… è morto un bambino. Aiutiamo “Save the children” a salvare la vita dei bambini che ogni 5 secondi muoiono nel mondo inviando un sms. Ne sono morti già altri due.” …agghiacciante!
13) “Prandelli ci ricorda la finale mondiale quando ringraziò lo stesso i suoi giocatori dopo la sconfitta” Gentili commenta il dopo gara ricordando la finale dei Campionati Europei.
14) “Intanto, ammonizione per Andersen” Bruno Gentili riguardo l’ammonizione per perdita di tempo del portiere italiano Morgan De Sanctis. Come se Andersen avesse voglia di perdere tempo sul 3-1 per l’Italia…

Non ho altro da aggiungere…
Anzi, visto che ci siamo, perchè non riproporre il video che ha santificato il mitico Salvatore Bagni?

@Giacomo_Baresi