NFL – “Top&Flop” Week 5

Top

1. San Francisco 49ers (4-1, 2-0 home)
621 yards guadagnate in una singola partita (record di franchigia), prima squadra NFL a guadagnare almeno 300 yards su corsa e 300 su ricezione nello stesso match. Per una squadra che fa della difesa molto più dell’attacco il proprio marchio di fabbrica e per essere una delle squadre storiche per eccellenza, battere questi record offensivi non è cosa da nulla. La sconfitta con i Vikings sembra lontana anni luce dalla testa di Alex Smith e compagni. Il QB californiano completa 18 passaggi su 24 per un totale di 303 yards, 3 td e nessun intercetto.

Frisco appare come una delle squadre meglio allestite per ambire al SuperBowl e qualora riescano a mantenere una così alta continuità offensiva diventerebbero davvero pericolosi in chiave titolo.

2. Atlanta Falcons (5-0, 3-0 away), Houston Texans (5-0, 3-0 away)
Uniche squadre rimaste imbattuta, causa sconfitta dei Cardinals in quel di Saint Louis nell’anticipo del giovedì.

Falcons vittoriosi in casa dei Washington Redskins grazie soprattutto a Turner (18 car per 67 yards ed 1 td). Ryan chiude con 34su52 per 345 yards, 2 td e 1 int.

Texans alla miglior partenza nella storia della franchigia dopo l’affermazione al MetLife Stadium di East Rutherford, casa dei New York Jets. Partita non brillantissima del qb Schaub (14su28, 209 yards, 1 td e 1 int) e vinta soprattutto in difesa dai texani. MVP della gara è stato il defensive end J.J. Watt, capace di sporcare molti passaggi di Sanchez e chiudere sul nascere la maggior parte dei primi down avversari.

Come detto entrambe con un record immacolato di 5-0, tuttavia se si dovesse scommettere un dollaro sulla franchigia con più possibilità di andare in fondo, Houston resta in pole position.


3. New England Patrios (3-2, 1-1 home)
Era la partita più affascinante della Week5 e i Patriots non si sono lasciati sfuggire l’occasione di andare sopra il 50% in stagione, avendo la meglio sui Broncos di Peyton Manning.

Brady vs Manning, un classico ormai dell’ultima decade di NFL. Il bilancio aggiornato dice 9-4 per l’asso di New England ma, anche in quest’occasione il 4 volte MVP della franchigia del Colorado non ha affatto sfigurato, anzi.

Tom completa 23 passaggi su 31 per 223 yards, 1 td, 0 int e un touchdown personale ad una yard dalla end zone. Peyton chiude 31su44, 337 yards, 3 td e 0 intercetti.

La differenza pro-Pats l’hanno fatta la difesa, molto precisa e puntuale nel mettere una museruola all’attacco Broncos e il gioco di corsa dove Stevan Ridley macina 151 yards su 28 portate ed 1 td.

L’impressione è che dal secondo tempo della scorsa partita contro i Bills (chiuso con un parziale di 45-14) la stagione di New England sia girata. Inutile dire che i Patriots hanno un roster a disposizione tale da ambire ad ogni tipo di traguardo.


Flop

1. Michael Vick (QB, Philadelphia Eagles)
Altri 2 fumble per il qb della franchigia della città dell’amore fraterno. E con questi fanno 11 in 5 partite. Non esattamente un record di cui andare fieri.

Eagles che restano comunque con un record positivo in stagione (3-2, 1-2 away) ma che dovrebbero raccogliere di più visto quanto seminato.

2. Buffalo Bills defense
Sulla carta una delle migliori difese della Lega.

Dopo i 45 presi in un tempo dai Patriots settimana scorsa, eccone altri 45 dei 49ers. 580 yards concesse contro New England, 621 contro San Francisco. Non benissimo per quello che dovrebbe essere il punto forte della squadra.

3. Arizona Cardinals (4-1, 1-1 away)
3 miseri punti fatti nell’anticipo contro i Rams del giovedì. Offensive line che concede troppo alla difesa di Saint Louis (9-52 il conto dei sacks). Irriconoscibili in attacco.

Prima sconfitta stagionale per Arizona e primo punto di svolta della stagione: sono in molti a chiedersi come reagiranno Kolb e compagni a questo primo stop.

Domenica in Arizona arrivano i Bills, 90 punti e più di 1000 yards totali concesse in 2 partite. L’avversario ideale sulla carta per riprendere il cammino interrotto.

@MarcoFacchetti