NFL – “Top&Flop” Week 4

Top

1. New England Patrios
Sotto 14-7 nel primo tempo e 21-7 ad inizio terzo quarto. Questo il parziale incubo con cui i Bills hanno aperto questo scontro fondamentale in ottica AFC East. I Pats erano con le spalle al muro, con la concreta possibilità di andare sotto 1-3 di record, ovvero sia dire addio o quasi all’obiettivo di una stagione.

E’ in questi momenti che il carattere di una squadra si manifesta. Il “pride” di NE è tale che arriva la rinascita in meno di un tempo: 45-7 di parziale, di cui ben 31 nell’ultimo quarto.

Brady completa 22 passaggi su 36 per 340 yards con 3 td, 0 int e un td segnato da se stesso. I Pats vanno in EndZone per 6 possessi consecutivi, correndo un totale di 580 yards con 4 giocatori che corrono/ricevono per più di 100 yards.

Prova offensiva di squadra clamorosa di New England che non deve però oscurare la difesa, autrice di ben 4 intercetti dei 6 to totali.

Record ora sul 50% (2-2) e W che da tanta tanta fiducia per il futuro.

2. Undefeated teams
Sono ancora tre le franchigia imbattute dopo quattro partite: Falcons, Texans e Cardinals.

Atlanta vince in rimonta contro Carolina in una partita punto a punto, decisa negli ultimi secondi grazie al field goal decisivo del kicker Bryant a pochi secondi dal termine dopo uno splendido drive dei Falcons da 60 yards. Per Matt Ryan infatti altra partita in ufficio, con 25su40 per 369 yards, 3 td e 1 int nonostante una pessima offensive line che concede ben 7 sacks ai Panthers.

Houston con la 4° W di fila è alla miglior partenza di sempre della franchigia. Partita sulla carta facile per i Texans, che ospitavano Tennesse e che infatti è stata controllata senza troppi problemi. Il qb Schaub lancia 20/28 per 202 yards con 2 td e 0 int.

Arizona ha invece bisogno di un overtime per mantenere il suo percorso ancora senza L. I Cardinals impattano a pochi secondi dalla fine e hanno la meglio nell’ot contro dei coriacei Miami Dolphins.
Protagonista nei Cards il Wr Andre Roberts, che riceve per 118 yds e segna 2 Td. Kolb mette insieme un 29/48 per 324 yds, 3 Td ma si fa intercettare 2 volte e subisce 8 sacks. Al momento squadra rivelazione.

3. Peyton Manning (QB, Denver Broncos)
Prestazione d’autorità per Manning ed i suoi Broncos, chiamati ad una W in Colorado dopo 2 sconfitte consecutive.
L’ex 4 volte MVP stampa una partita da 30/38 per 338 yards, 3 touchdowns e nessun intercetto. Denves raggiunge il 50% in stagione e deve preparare ora la difficile trasferta al Gillette Stadium contro i Patriots.

Flop

1. New Jersey Jets
Disastrosa. Non ci sono altri termini per definire la prestazione dei Jets contro i San Francisco 49ers. 34-0 a domicilio, peggior prestazione interna dal 1989.

Mark Sanchez completa 13 passaggi su 29 per la bellezza di 103 yards delle 145 totali conquistate. Una miseria.

2. Tony Romo (QB, Dallas Cowboys)
31su43 per 307 yards e 1 td potrebbero essere delle statistiche più che positive. Se però non si concedono ben 5 intercetti alla difesa Bears, di cui 2 trasformati in td.

Romo eguaglia il suo massimo in carriera in fatto di int e condanna, di fatto, i Cowboys alla seconda sconfitta stagionale.

3. Cleveland Browns e New Orleans Saints
Uniche due squadre senza ancora una vittoria in stagione.

NO perde al Lambeau Field di Green Bay sciupando il sorpasso a 3′ dalla fine con un field goal dalle 48 yards. Miglior partita stagionale dei Saint ma comunque ennesima sconfitta, nonostante uno scintillante Brees da 35su54 per 446 yards, 3 td e 0 int.

A Cleveland le cose non vanno certo meglio. Dopo il 4-12 del 2011, anche la stagione 2012 si è da subito presentata come l’ennesimo anno di transizione: quattro partite, altrettante sconfitte.
Il calendario, dopo la complessa trasferta a NY, dice partita ad Indianapolis e sfide in casa con Cincinnati e San Diego. Tre partita alla utili almeno per rimuovere l’uovo alla voce vittorie.

@MarcoFacchetti