Maicon: 98 birre in una sera. Verità o fantasia?

Secondo il giornalista e telecronista di Sportmediaset Bruno Longhi, i motivi per cui l’Inter abbia deciso di cedere Maicon al Manchester City sono legati principalmente all’alcool. Una situazione preoccupante quella del terzino brasiliano a quanto pare, dato che spesso non riusciva ad allenarsi poiché si presentava ad Appiano Gentile reduce da una sbronza.

Maicon festeggia con la maglia dell’Inter

Nel servizio in onda mercoledì 5 settembre nell’edizione pomeridiana di Studio Sport, Longhi afferma di essere stato a visitare il locale in corso Magenta nel quale Maicon abitualmente andava e che il gestore gli ha mostrato uno scontrino nel quale erano state pagate ben 98 bottiglie di birra da 33cl. Ovvero un consumo di oltre 32 litri.

Ma è umanamente possibile consumare 32 litri di birra in una sera? E chi ci da la conferma che lo scontrino fosse veramente quello di Maicon? Dobbiamo fidarci del barista e di Bruno Longhi nel credere che tutte quelle birre se le è bevute l’ex giocatore dell’Inter?

Ovviamente io non credo a questa ipotesi. Anche se i brasiliani (come insegna il buon vecchio Adriano) in fatto di alcool la sanno lunga, penso che quella del gestore del locale milanese sia solo una trovata pubblicitaria e che Bruno Longhi abbia colto la palla al balzo per un servizio originale nel quale ha cercato di “esagerare” come suo solito (non so se in buona o cattiva fede). Un modo come un altro per spararla grossa, con una prova (quella dello scontrino) superficiale e inaffidabile; come mi è stato fatto notare, non è che ci sia scritto il nome di Maicon a fianco del bigliettino in modo tale da ricondurre l’acquisto al consumo della bevanda.

Notizia dunque da prendere con le pinze, ma credo comunque che i gestori dei pub di Manchester si staranno già sfregando le mani…

@Giacomo_Baresi

Maicon alla presentazione con la sua nuova maglia del Manchester City